Domenica e i malloreddus alla campidanese

Domenica e i malloreddus alla campidanese

Una ricetta tipica della Sardegna. I malloreddus conosciuti anche con il nome di ‘gnocchetti sardi’ sono il formato di pasta più utilizzata in Sardegna.

Questo particolare tipo di pasta tradizionale sarda è ottenuta dalla semola di grano duro e impastato (Non sempre però) con spinaci, pomodorini oppure con lo zafferano.

Una curiosità sul nome malloreddus che significa ‘vitellini’.

La ricetta che vi presento oggi strizza l’occhio agli amanti delle verdure, infatti, al posto della salsiccia suina fresca (Presente nell’originale) metteremo una deliziosa melanzana arrosto.

Sicuramente sarà eccellente come l’originale.

 

Ingredienti Malloreddus alla campidanese

• 360 gr di malloreddus
• 1 melanzana
• 1 spicchio di aglio
• 1 cipolla
• 400 gr di passata di pomodoro
• 2 fili di zafferano sardo

• 100 gr di pecorino sardo (Stagionato)
• Olio di oliva extravergine (Q.B.)
• Sale (Q.B.)

 

Preparazione Malloreddus alla campidanese

1. La melanzana va preparata in anticipo. La tagliamo a fette sottili e le aromatizziamo con l’aglio (Sfreghiamo sopra ogni fetta lo spicchio di aglio) poi le ungiamo con qualche goccia di olio di oliva extravergine
2. Adesso le facciamo arrostire su una graticola
3. Tritiamo la cipolla (Finemente) e la facciamo rosolare per bene con l’aggiunta di un cucchiaio di olio extravergine di oliva
4. Dopo aggiungiamo la passata di pomodoro, il sale (vede voi quanto aggiungerne) e cuociamo a fuoco lento fino a quando il sugo non si sarà leggermente addensato
5. Una volta spento il fuoco, aggiungiamo i 2 fili di zafferano sardo (Sciolti in pochissima acqua tiepida) e la melanzana arrostita (Tagliata a striscioline oppure a piccoli pezzi che non devono superare le dimensioni dei malloreddus)
6. Adesso cuociamo i nostri malloreddus in acqua calda salata e li scoliamo al dente (Fate attenzione perché i tempi di cottura sono leggermente più lunghi rispetto alla normale pasta)
7. Una volta scolati li condiamo con la salsa preparata in precedenza, e il pecorino sardo stagionato grattugiato e serviamo ai nostri ospiti

Precedente Cesare Cremonini con Poetica al 1° posto della Classifica di iTunes Successivo Cucina con Nonna Ariella Magazine - Novembre 2017