Crea sito

Caponata alla palermitana

Caponata alla palermitana

Caponata alla palermitana. Questa volta vi presentiamo un contorno tutto vegetariano proveniente dalla tradizione culinaria della Sicilia. Una ricetta ideale per i vostri pranzi festivi.

Ingredienti per 4 persone

    • 400 gr Melanzane
    • 250 gr Pomodori maturi
    • 180 gr Cuori di sedano
    • 1 Cipolla
    • 120 gr Olive verdi snocciolate
    • 30 gr Capperi
    • 15 gr Zucchero
    • 10 gr Pinoli
    • ½ Bicchiere di olio di oliva
    • ½ Bicchiere Aceto
    • Sale (Q.B.)
    • Pepe (Q.B.)

 

Preparazione

  1. Mondiamo le melanzane tagliando le due estremità
  2. Puliamo i cuori di sedano togliendo i filamenti per poi tagliarli a pezzetti
  3. Adesso li lessiamo in acqua bollente per circa 4 minuti
  4. Tagliamo a dadini le melanzane e le sistemiamo in una terrina ricoprendole con 4 cucchiai di acqua fredda e un po’ di sale
  5. Le lasceremo riposare per circa 30 minuti per poi passarle sotto l’acqua fredda e le asciughiamo per bene
  6. In una casseruola riscaldiamo 4 cucchiai di olio di oliva e aggiungiamo le melanzane tagliate a dadini. Rosoliamo per bene
  7. Aggiungiamo l’olio rimasto al fondo di cottura delle melanzane e uniamo in seguito la cipolla tagliata a fettine
  8. Cuociamo il tutto a fuoco lento
  9. Aggiungiamo il sedano e le olive verdi snocciolate. Mescoliamo e versiamo i pomodori passati al passatutto
  10. Sale e pepe e lasciamo insaporire a fuoco moderato per circa 10 minuti
  11. Bagniamo con l’aceto in cui avevamo sciolto lo zucchero. Uniamo poi i capperi e i pinoli
  12. Cuociamo a pentola coperta per circa 15 minuti per poi versare il composto sulle melanzane

Foto di copertina: La Cucina Italiana

RISCATTI by A.J.Reed
Trama:
 Amore e Odio. Vita e Morte. Omosessualità e Omofobia. Queste le parole chiavi del romanzo di “RISCATTI”. Stati Uniti d’America. Il fanatismo razziale di un’associazione statunitense sconvolgerà le vite di un gruppo di amici portandoli a confrontarsi con il loro lato oscuro. Un fanatismo che condurrà un padre a desiderare la morte del suo stesso figlio, ritenuto “contro natura”. L’amore di due giovani ragazzi, spezzato dall’omofobia, riuscirà nella sua tragedia a riscattare uno dei loro aguzzini.