Crea sito

La Boschi (IV): “Chiediamo un nuovo accordo di Governo”

La Boschi (IV): “Chiediamo un nuovo accordo di Governo”

La Boschi (IV): “Chiediamo un nuovo accordo di Governo”. La guerra interna al Governo Conte non cessa, anzi la Boschi alza il tiro. Intervistata da La Repubblica, la capogruppo di Italia Viva alla Camera dei Deputati, Maria Elena Boschi afferma che: “Abbiamo semplicemente chiesto un rinvio per una ragione di merito e una di metodo. Nel merito, prima di decidere l’età per l’elettorato attivo, vale la pena decidere che cosa fa il Senato. Sia Zingaretti che Di Maio, ma anche Zaia e Berlusconi, hanno aperto al superamento del bicameralismo paritario: andiamo a vedere le carte? Nel metodo: non è possibile che le riforme si votino senza un accordo complessivo”.

Leggi anche >>> Liquore casalingo Mele Cotogne

A precisa domanda in merito all’accordo ‘siglato’ nell’agosto del 2019 per la nascita del Governo Conte II, la Boschi ha così risposto: “Eh no. Quell’accordo è stato già modificato da Pd e 5S quando hanno stralciato al Senato l’abbassamento dell’elettorato passivo da 40 a 25 anni. Oggi alla Camera si è trattato solo di prendere atto che senza di noi non ci sono i numeri”.

Un chiaro segnale al Partito Democratico e al Movimento Cinque Stelle. Senza di noi (nda Italia Viva) si torna tutti a casa. Ma non è detto, infatti, bisogna considerare diversi fattori: l’approvazione della nuova Legge elettorale con lo sbarramento al 5% (Soglia molto alta per i renziani, stimati poco sopra il 3%) e l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Oltre, ovviamente alla crisi sanitaria da covid19. Fattori che potrebbero orientare le forze di maggioranza a stringere i denti e vivacchiare fino alla scadenza naturale.

Leggi anche >>> Auguri a Chris De Burgh – Lady in Red, testo e video

Continuando nell’intervista, Maria Elena Boschi precisa che: “Tutte le volte che abbiamo posto elementi di confronto ci hanno accusato di alzare il prezzo: quando abbiamo bloccato l’aumento dell’Iva o suggerito il piano shock sui cantieri o l’assegno universale per i figli. Non sono ricatti, sono proposte che facciamo per il bene del Paese. Abbiamo fatto nascere questo governo contro Salvini, ma essere contro non basta” e inoltre “Vogliamo che la maggioranza si riunisca, decida e riparta insieme. Se serve, aspetteremo l’appuntamento degli Stati Generali dei grillini. Ma governa chi sceglie, non chi rinvia”.

Avvertimenti i ma sappiamo bene tutti che in caso di elezioni, quelli che rischiano maggiormente di non entrare in Parlamento sono proprio i renziani con la loro Italia Viva.

Leggi anche >>> Kamala Harris a rischio diritti LGBT+ con Amy Coney Barrett