Crea sito

Le sarde a beccaficu come secondo piatto

Le sarde a beccaficu come secondo piatto

Le sarde a beccaficu come secondo piatto. Piccola trasferta in Sicilia per assaggiare un secondo piatto (Ottimo anche come antipasto) a base di pesce. Le sarde a beccaficu sono un piatto di facile preparazione. Andiamo a vedere cosa ci serve per questa ricetta tradizionale.

Ingredienti (4 persone)

  • 16 Sarde (Grosse)
  • 30 gr Pane grattugiato
  • 20 gr Parmigiano grattugiato
  • 20 gr Farina 0
  • 1 Limone
  • 1 Uovo
  • 1 Ciuffo Prezzemolo
  • 1 Spicchio Aglio
  • 1 Cucchiaio Aceto
  • ½ Bicchiere Olio di oliva
  • Sale (Q.B.)
  • Pepe (Q.B.)

 

Preparazione

  1. Puliamo le sarde privandole della testa e delle pinne. Eliminiamo poi le interiore e le squame
  2. Le apriamo delicatamente e togliamo la lisca
  3. Adesso le sistemiamo su di un piatto e spruzziamo un po’ di aceto con l’aggiunta di sale e pepe
  4. Mondiamo il prezzemolo e lo tritiamo finemente insieme all’aglio. Una volta pronto lo mescoliamo con il parmigiano grattugiato
  5. Ora spalmiamo la parte interiore delle sarde con il composto e le ricomponiamo per bene. Assicuratevi che siano ben chiuse
  6. Le passiamo nella farina, poi nell’uovo sbattuto (Leggermente salato e pepato). Ultimo passaggio nel pane grattugiato
  7. In una teglia da forno, mettiamo un filo di olio e sistemiamo le sarde
  8. Cospargiamo con abbondante olio di oliva e cuociamo in forno a 200° C per circa 30 minuti
  9. Serviamo le sarde con alcuni spicchi di limone

Foto Il Giornale del Gusto

RISCATTI by A.J.Reed
Trama:
 Amore e Odio. Vita e Morte. Omosessualità e Omofobia. Queste le parole chiavi del romanzo di “RISCATTI”. Stati Uniti d’America. Il fanatismo razziale di un’associazione statunitense sconvolgerà le vite di un gruppo di amici portandoli a confrontarsi con il loro lato oscuro. Un fanatismo che condurrà un padre a desiderare la morte del suo stesso figlio, ritenuto “contro natura”. L’amore di due giovani ragazzi, spezzato dall’omofobia, riuscirà nella sua tragedia a riscattare uno dei loro aguzzini.