Namibia viaggio insolito fra natura incontaminata e silenzio

 

Namibia viaggio insolito fra natura incontaminata e silenzio

Namibia, viaggio insolito fra natura incontaminata e silenzio: È una delle nazioni più giovani del mondo, avendo ottenuto solo nel 1990 l’indipendenza dal Sudafrica, dal quale era amministrata. Dal 1884 al 1919 col nome di Deutsch-Südwestafrika, fu colonia dell’Impero tedesco; successivamente parte dell’Impero britannico tramite l’Unione sudafricana fino al 1961 e poi fino all’indipendenza provincia della Repubblica Sudafricana. (Fonte: Wikipedia)

Ma perché la Namibia? perché è un viaggio insolito, un incontro fra la natura incontaminata e il silenzio come raccontano i consulenti CartOrange: ‘Si percorrono strade sterrate, a volte per ore, senza incontrare una persona o un auto e, quando accade, ci si saluta consapevoli di condividere la stessa emozione. Un viaggio in Namibia riserva emozioni inaspettate che scaturiscono annusando gli odori, sentendo il vento caldo che ti abbraccia, guardando gli scenari più improbabili e ascoltando i rumori che la natura tutta produce». Tra le zone consigliate, la regione del Kaokoland, nell’estremo nord del Paese: dalla Skeleton Coast fino alle Epupa Fulls (ai confini con l’Angola) nella terra degli Himba. «È possibile entrare a contatto con il popolo Himba, tribù ospitali che in questa regione vivono ancora isolate dalla civiltà, caratterizzate dalla mistura di burro e ocra che le donne si spalmano sul corpo e sui capelli e dalle particolari collane che li adornano» aggiungono (Fonte: Oggi)

Quando andare: Il periodo migliore per visitare la Namibia nel suo complesso è quello invernale, da maggio ad agosto: è secco e soleggiato, ed è l’unico che consente di evitare il caldo torrido. Va però messo in conto il freddo notturno sull’altopiano.
E’ vero che lungo la costa fa fresco, e ci sono nebbie in mattinata (sulla costa il periodo migliore sarebbe da novembre a febbraio).

Cosa portare: n inverno (giugno-agosto): per la costa, vestiti di mezza stagione, una felpa o maglione e una giacca. Per Windhoek e l’altopiano, vestiti di mezza stagione, con la possibilità di scoprirsi di giorno; maglione, giacca calda e berretto per la sera.
In estate (dicembre-febbraio): per la costa, vestiti di mezza stagione, t-shirt, camicia, felpa e giacca leggera. Per Windhoek e l’altopiano, vestiti leggeri per il giorno, cappello per il sole, una felpa per la sera, impermeabile leggero o ombrello.

Cosa vedere:  Viaggio on the road, self drive, con automezzi a noleggio alla scoperta di un fantastico paese per conoscere la sua natura spettacolare, i paesaggi particolari, come il deserto che finisce nell’oceano e le spettacolari dune di Sossusvlei, il fantastico deserto del Namib, piante preistoriche, graffiti e pitture rupestri di migliaia di anni fa e per concludere la fauna africana protetta e salvaguardata nel suo habitat naturale, alla scoperta del Parco Etosha, una delle più grandi riserve africane, oppure la colonia di migliaia e migliaia di otarie di Cape Cross sull’oceano Atlantico.

Viaggio dedicato a chi vuole visitare in modo autonomo il paese, e che pur avendo poco tempo a disposizione, ha il desiderio di vivere una grande avventura in assoluta sicurezza e scoprire uno stupendo paese al di fuori dei circuiti turistici di massa.

Fonte: Wikipedia-Oggi-Safari.Halfmoonravel

Precedente Annalisa - Bye Bye, con testo e video ufficiale Successivo Moda maschile autunno inverno 2018/19 Inimitabile Giorgio Armani