Crea sito

PD – M5S separati in Puglia e nelle Marche

PD – M5S separati in Puglia e nelle Marche

Questo matrimonio non sa da fare. Parola di Vito Crimi, capo Politico del Movimento Cinque Stelle che in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera ha spento, senza tanti fronzoli, le speranze del Premier Giuseppe Conte per un’eventuale alleanza regionale tra i due Partiti di Governo.

Non si tratta di sprecare un’occasione, perché non c’è, altrimenti l’avremmo colta al volo”. Precisando inoltre che il Movimento Cinque Stelle ha “il massimo rispetto del territorio. Dove abbiamo fatto opposizione fino a ieri, è difficile immaginare un percorso insieme”.

Anche se in alcuni comuni le alleanze tra Dem e 5Stelle sono certe, per quanto riguarda le regionali in puglia e nelle Merche il discorso è chiuso. Ognuno correrà con il proprio candidato a Governatore.

Leggi anche >>> Ian Gillan compie 75 anni : Deep Purple – Strange Kind Of Woman, testo e video

Alla domanda se in caso di vittoria della coalizione del Centrodestra in queste due importanti regioni, il Governo potrebbe subire qualche scossone, Vito Crimi ha rimarcato la solidità del Governo e che non è il Movimento Cinque Stelle lo sconfitto ma il Partito democratico che ha guidato quelle regioni fino ad oggi.

In chiusura dell’intervista, Crimi ha speso parole in difesa di Davide Casaleggio, da qualche tempo sotto attacco da molti all’interno del Movimento Cinque Stelle. E riferendosi al figlio del fondatore Casaleggio Senior l’ha definito fondamentale per l’intero Movimento, anzi: “Davide è un pilastro, è come un fratello fondatore dei due padri fondatori”.

Leggi anche >>> Shanghai, sospeso il Pride più longevo della Cina

Una difesa pubblica che certifica ancora di più la crisi interna a 5Stelle tra le diverse anime per il controllo dello stesso Movimento ma anche per ottenere o no l’indipendenza da Davide Casaleggio e dalla stessa società che controlla la Piattaforma Rousseau. Molti deputati e senatori a 5Stelle infatti iniziato lo sciopero dei 300 euro. Soldi che andavano versati ogni mese nelle casse della società di Davide Casaleggio come contributo alla gestione della piattaforma.

Di parere contrario il Ministro degli Esteri ed ex Capo politico Luigi Di Maio che è d’accordo su eventuali accordi, dove è possibile.