Crea sito

Pensioni Tabella rivalutazioni assegni biennio 2020 2021

Pensioni Tabella rivalutazioni assegni biennio 2020 2021

Nella Legge di Bilancio 2020 è contenuta una proposta del Governo, in cui dettagli riguardano pochi centesimi in più, mensili, per i pensionati che percepiscono  assegni da euro 1500 a euro 2000 lordi, ma non disperiamo, per chi è ancora in vita, dal 2022 gli aumenti saranno più generosi!

Vediamo la rivalutazione del 2020-2021, come spiega chiaramente in un suo articolo Valerio Damiani, su Pensioni Oggi: ‘La proposta governativa prevede a partire dal 1° gennaio 2020 e sino al 31 dicembre 2021 l’incremento delle percentuali di rivalutazione dei trattamenti pensionistici compresi tra tre e quattro volte il minimo (cioè tra 1.539 e 2.054 euro mensili lordi) che passano così dall’attuale 97%, fissato dalla precedente legge di bilancio (ln 145/2018), al 100% dell’inflazione.

Gli assegni superiori a tale importo continueranno ad essere rivalutati secondo le fasce già note: i trattamenti tra quattro e cinque volte il minimo in misura del 77% dell’inflazione; tra cinque e sei volte il minimo in misura del 52% dell’inflazione; tra sei ed otto volte il minimo in misura del 47% dell’inflazione; tra otto e nove volte in misura pari al 45% dell’inflazione; quelli superiori a nove volte il minimo in misura del 40% dell’inflazione. Gli incrementi con le rispettive fasce sono indicati in tabella.’

rivalutazione assegni 2020 2021
Pensioni Tabella rivalutazioni assegni 2020 2021

Possiamo considerarci, noi pensionati, grati per questa rivalutazione degli assegni nel biennio 2020-21, pochi centesimi di aumento cambiano la vita e faranno vedere la luce al fondo del tunnel per chi deve aiutare figli e nipoti a sopravvivere? Non crediamo proprio!

Ma che accadrà dal 1 gennaio 2022? 

Sempre nell’articolo su Pensioni Oggi di Valerio Damiani si legge:

Dal 1° gennaio 2022 il testo della legge di bilancio stabilizza criteri più succulenti per gli assegni superiori alle quattro volte il minimo.

Nello specifico: gli assegni sino a quattro volte il minimo saranno rivalutati in misura pari al 100% dell’inflazione; gli assegni tra quattro e cinque volte il minimo saranno rivalutati in misura pari al 90% dell’inflazione; i trattamenti pensionistici superiori a cinque volte il minimo saranno rivalutati in misura pari al 75% dell’inflazione. 

Con il ripristino di una indicizzazione in forma progressiva su singoli scaglioni di importo’.

Insomma si saranno più generosi, si fa per dire, ma non tanto di più, sempre che all’ultimo momento, come è solito fare il Governo, non ci sia un ripensamento per il troppo denaro elargito ai pensionati!

Pensioni Tabella rivalutazioni assegni biennio 2020 2021

Si ha al potere degli incapaci, degli imbelli nel decidere cosa sia meglio per il nostro Paese, non hanno un carisma da imporre determinate regole per garantire, lavoro, qualità di vita, serenità al popolo, sono impareggiabili però nel divulgare false promesse e litigare senza trovare accordi per una continuità di dignità e coerenza delle soluzioni atte a cambiare il destino di questa martoriata Italia!

Siamo governati da persone che hanno un cultura politica pari a zero, arroganti e incoerenti che si sentono dei in terra perché elargiscono con il contagocce l’elemosina ai pensionati, mentre per altre situazioni si trovano fondi chissà dove e chissà come, deplorevole e poco incoraggiante il quadro politico italiano anche di fronte al mondo, da farci retrocedere alla Grecia!

2 Risposte a “Pensioni Tabella rivalutazioni assegni biennio 2020 2021”

    1. Fra le tante vergogne italiane la situazione delle pensioni minime è la più vergognosa purtroppo, grazie di seguirci, cordiali saluti Ariella e il suo staff

I commenti sono chiusi.